Lysimachia nummularia 'Aurea'

4,20 €
Tasse incluse

Interessante varietà di pianta palustre strisciante con foglie di colore giallo. Va coltivata lungo i bordi del laghetto come pianta coprisuolo e tappezzante.

Pianta fornita : Vaso 9X9
Quantità

Disponibile
 

Security policy (edit with Customer reassurance module)

 

Delivery policy (edit with Customer reassurance module)

 

Return policy (edit with Customer reassurance module)

La Lysimachia nummularia ‘Aurea’ è una pianta erbacea perenne a portamento tappezzante che predilige ambienti palustri e acquitrinosi appartenente alla famiglia delle Primulacee. Questa varietà ha foglie opposte di forma ovale o rotondeggiante e di colore giallo lucido. Tra Maggio a Luglio produce fiori giallo oro che generalmente sbocciano solitari all'ascella delle foglie. Può raggiungere un altezza massima di 10 cm. Predilige un esposizione in ombra parziale o ombra. Può essere usata anche come pianta d'acquario ma deve essere acclimatata lentamente. Il suo fogliame dorato la rende molto particolare. Va coltivata immersa fino a 10 cm d'acqua nella zona bassa del laghetto, in posizione di mezz'ombra su terreno neutro.

E' una pianta molto rustica, tollera temperature fino a -35° C

In vendita da Marzo a Ottobre.

: LysNuAurP9
: 7 Articoli
Hurry! only 7 items left in stock.

Scheda tecnica

Altezza:
10 cm
Esposizione:
Pieno sole, mezzombra
Profondità massima dal pelo dell'acqua:
da 0 a 10 cm
Terreno:
Acquitrinoso
Taglia:
Piccola
Rusticità:
Zona USDA 3A : da -37.3 a - 39.9 ° C
Periodo di fioritura:
Giugno - Luglio
Colorazione della foglia:
Giallo-verde
Difficoltà:
Facile

Use collapsible tabs for more detailed information that will help customers make a purchasing decision.

Ex: Shipping and return policies, size guides, and other common questions.

Reviews

Scrivi la tua recensione

Lysimachia nummularia 'Aurea'

Interessante varietà di pianta palustre strisciante con foglie di colore giallo. Va coltivata lungo i bordi del laghetto come pianta coprisuolo e tappezzante.

Scrivi la tua recensione