Hibiscus moscheutos subsp. palustris Visualizza ingrandito

Hibiscus moscheutos subsp. palustris

Specie Europea con fiori di medie dimensioni di colore Rosa tenue leggermente venato. Va coltivato nelle rive di laghetti e stagni su terreno umido o sommerso da qualche cm d'acqua. Non teme il gelo.

Maggiori dettagli

9,50 €

  • Vaso 11X11

Scheda tecnica

Taglia:Grande
Profondità di impianto dal pelo dell'acqua:A pelo d'acqua
Altezza:180 - 200 cm
Densità:3 piante al mq.
Terreno:Acquitrinoso
Esposizione:Pieno Sole
Periodo di fioritura:Luglio - Agosto
Colorazione del fiore:Rosa
Colorazione della foglia:Verde
Rusticità:Zona USDA 5A: da -26.2 a -28.8 C
Difficoltà:Media
Famiglia:Malvaceae

Dettagli

L'Hibiscus moscheutos subsp. palustris, conosciuto in italia come Ibisco Palustre, è una vigorosa erbacea perenne diffusa oltre che da noi anche in alcune regioni della Francia e Portogallo. In natura la ritroviamo nelle zone umide e paludose lungo torrenti e stagni; raggiunge quasi i 2 metri di altezza, ed è formato da una base legnosa da cui dipartono steli pubescenti e stellati, che portano foglie ovato-lanceolate di 13-15 cm di diametro. Le infiorescenze sono bianche-rosate, largamente imbutiformi e delle dimensioni di 3-15 cm. In autunno la pianta perde le foglie e quasi tutta la parte aerea andrà a seccarsi. La primavera successiva tornerà a svilupparsi in maniera vigorosa. In natura queste piante costituiscono larghe colonie nei pressi di paludi o di corsi d'acqua lenti e poco profondi. Va coltivato nelle zone poco profonde di laghetti e ruscelli, immerso al massimo in qualche cm d'acqua. Ama il pieno sole e un terreno ricco e neutro.

E' una pianta molto rustica che non teme il gelo. Sopporta inverni con temperature rigide fino a -28°C.

AUTOCTONO: In Italia è diffuso solo in Lombardia, Veneto, Toscana e Lazio

In vendita da Aprile a Ottobre

Reviews

Write a review

Hibiscus moscheutos subsp. palustris

Hibiscus moscheutos subsp. palustris

Specie Europea con fiori di medie dimensioni di colore Rosa tenue leggermente venato. Va coltivato nelle rive di laghetti e stagni su terreno umido o sommerso da qualche cm d'acqua. Non teme il gelo.